Cerca
  • Dott. Bruni Daniele

DISTURBO DI PANICO E GLI ATTACCHI DI PANICO

Il mondo sta ancora affrontando la pandemia da coronavirus 2019, che sta portando nuove sfide per gli esperti di salute mentale. Il COVID-19 sta producendo nuova comorbilità e partecipa ad esacerbare malattie psichiatriche esistenti. Lo stress dovuto alla pandemia può produrre paura e preoccupazione per la propria salute e quella dei parenti ed amici, cambiamenti nel sonno o nelle modalità alimentari, difficoltà di concentrazione, peggioramento dei problemi di salute cronici e aumento dell'uso di alcol, tabacco o altre droghe. Le misure di contenimento come il blocco, l'isolamento e la quarantena possono anche far aumentare i disturbi psicologici, in particolare depressione, ansia e tendenze suicide. Dopo che la pandemia sarà finita, sorgeranno nuove sfide per la salute mentale.


Il disturbo di panico e gli attacchi di panico sono due dei problemi più comuni riscontrati nel mondo della psichiatria. Il disturbo di panico è un'entità separata da un attacco di panico, sebbene sia caratterizzato da attacchi di panico ricorrenti e inaspettati. Gli attacchi di panico sono definiti dal Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi di Salute Mentale (DSM) come "un improvviso aumento di intensa paura o disagio" che raggiunge un picco in pochi minuti. Quattro o più di una serie specifica di sintomi fisici accompagnano un attacco di panico. Questi sintomi includono: palpitazioni, battito cardiaco accelerato, sudorazione, sensazione di mancanza di respiro o soffocamento, dolore o fastidio al petto, nausea o angoscia addominale, sensazione di capogiro, instabilità, sensazione di testa vuota o svenimento, brividi o sensazioni di calore, parestesie (sensazioni di intorpidimento o formicolio), derealizzazione (sentimenti di irrealtà) o spersonalizzazione (distacco da se stessi), paura di perdere il controllo o "impazzire" e paura di morire. Una caratteristica distintiva del disturbo di panico è che gli attacchi si verificano senza preavviso. Spesso non c'è un trigger specifico per l'attacco di panico. I pazienti che soffrono di questi attacchi percepiscono una mancanza di controllo. Per fare una diagnosi accurata del disturbo di panico, è importante differenziare le due entità l'una dall'altra. Secondo il DSM V, il disturbo di panico può essere diagnosticato se si verificano attacchi di panico inaspettati ricorrenti seguiti da un mese o più di preoccupazione persistente di avere un altro A.P., e un cambiamento nel comportamento dell'individuo per evitare una situazione che potrebbe far venire un altro A.P.

Il disturbo di panico può influire in modo significativo sulla qualità della vita e portare a depressione e disabilità. Inoltre, questi pazienti sono anche a maggior rischio di alcolismo e abuso di sostanze rispetto alla popolazione generale.

EZIOLOGIA

Esistono molteplici teorie e modelli che parlano della possibile eziologia del disturbo di panico; la maggior parte indica il ruolo potenziale dello squilibrio chimico come fattore principale, comprese le anomalie nell'acido gamma-aminobutirrico, nel cortisolo e nella serotonina. Si ritiene che un fattore genetico e ambientale abbia un ruolo nella patogenesi del disturbo di panico. Diversi studi dimostrano che le condizioni avverse dell'infanzia possono portare al disturbo di panico in età adulta. Ricerche più recenti indicano che i circuiti neurali possono avere un ruolo maggiore nel disturbo di panico per cui alcune aree del cervello sono ipereccitabili negli individui e ciò li renderebbe inclini a sviluppare il disturbo. Alcuni studi dimostrano che i fattori genetici possono svolgere un ruolo nell'eziologia del disturbo di panico. I parenti di primo grado hanno un rischio del 40% di sviluppare la sindrome se a qualcuno in famiglia è già stato diagnosticato il disturbo. Inoltre, i pazienti con disturbo di panico hanno anche un alto rischio di sviluppare altri disturbi di salute mentale. Molti neurotrasmettitori e peptidi all'interno del sistema nervoso centrale sembrano svolgere un ruolo importante nelle manifestazioni fisiche. I risultati degli studi di imaging cerebrale hanno mostrato cambiamenti caratteristici, tra cui un aumento del flusso e dell'attività dei recettori, in specifiche regioni geografiche tra cui la regione limbica e frontale. L'amigdala viene proposta come la principale area di disfunzione. Non sono necessari esami di laboratorio, radiografici o di altro tipo per diagnosticare il disturbo di panico. I criteri del DSM V possono essere utilizzati per diagnosticare il disturbo di panico.

TRATTAMENTO

I principali approcci al trattamento del disturbo di panico includono interventi sia psicologici che farmacologici. Gli interventi psicologici consistono nella terapia cognitiva. Come ulteriore vantaggio nei pazienti con disturbo di panico che ha anche condizioni mediche concomitanti in comorbidità, ci sono componenti dei loro regimi terapeutici che possono anche migliorare secondariamente le loro rispettive malattie mediche. Il disturbo di panico è associato a un rischio più elevato di ideazione suicidaria. È anche associato a una diminuzione della qualità della vita poiché il paziente non è in grado di funzionare normalmente nella sua vita sociale e familiare. Il disturbo è associato ad un aumentato rischio di condizioni mediche concomitanti e fumo.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti